Chi tutela “l’adozione”? Riflessioni personali di una coppia adottiva

Quello che si legge in questi giorni sul mondo delle adozioni internazionali e sulla CAI è terribile e non può passare inosservato. Molti fatti già noti stanno venendo alla luce con nuovi drammi ed ingiustizie. A noi cosa resta oltre l’amaro in bocca?? E’ assurdo e molto probabilmente non ci sono parole per descrivere quello che prova, chi come noi, nell’adozione crede e di adozione vive quotidianamente. Non perché ricopriamo ruoli istituzionali o lavoriamo in questo campo, ma perché siamo “l’ADOZIONE”! Siamo noi, famiglie adottive Nazionali ed Internazionali a rimanere pietrificate di fronte a questo sfacelo. Noi che guardandoci nel profondo abbiamo intrapreso un percorso delicato, intimo e complicato e che DOVREMMO ESSERE tutelati ed accompagnati mentre invece ci troviamo soli ed in questi giorni la tristezza ci pervade. Ed anche se noi non siamo stati colpiti in prima persona da queste situazioni ci sentiamo offesi e siamo vicini a tutte quelle meravigliose famiglie che avrebbero DOVUTO ESSERE e per colpa di un sistema malato non lo sono diventate! L’adozione, che deve garantire ai bambini una famiglia si è dimenticata dei suoi protagonisti principali. Si è macchiata di colori che non hanno le sfumature dell’amore e dell’accoglienza e per questo si è imbruttita. Questo pensiero maturato nella nostra intimità vuol’essere condiviso perché il mondo dell’adozione, quella fatta di persone, ha necessità di esprimersi!

Anna ed Andrea Genitori Adottivi

Pubblicato in: BLOG

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...